Specialisti nel Brokeraggio Assicurativo per la Scuola

Contattaci Collabora con noi Approfondimenti

Danno non patrimoniale: la camera ha approvato il disegno di legge

Tribunale_Di_Milano_LogicaInsurance_Broker

Sul risarcimento del danno non patrimoniale si applicheranno, per legge, le tabelle del tribunale di Milano.

Estratto da Assinews. Sul risarcimento del danno non patrimoniale si applicheranno, per legge, le tabelle del tribunale di Milano. È quanto prevede il ddl recante «Modifiche alle disposizioni per l’attuazione del codice civile in materia di determinazione e risarcimento del danno non patrimoniale», approvato ieri dalla camera, che ora passa al senato. La tabelle servono a calcolare il risarcimento del danno quando si subisce un danno da lesione o da morte di un congiunto. L’obiettivo è di garantire parità di trattamento in tutti i tribunali, superando, per legge, le differenze che si riscontrano a seconda di quale aula giudiziaria tratti un determinato caso. Viene introdotto l’articolo 84-bis alle disposizioni di attuazione del codice civile dedicato alla liquidazione del danno non patrimoniale. Si tratta di danno non patrimoniale derivante dalla lesione temporanea o permanente all’integrità psico-fisica e di danno non patrimoniale derivante dalla perdita del rapporto di tipo familiare. 

Fonte: Assinews; Il Sole 24 Ore

Area: Normativa

Tema: Novità Normative

Ambito: RCT; Danno non Patrimoniale

Chiavi di Lettura: Danno Biologico, Tabella Tribunali

In Sintesi

L’innovazione maggiore del disegno di legge approvato alla camera è costituita dal fatto che i giudici dovrebbero liquidare l’entità del danno non patrimoniale in sede processuale sulla base di parametri tabellari (tabelle A e B dell’Osservatorio sulla Giustizia Civile di Milano), inseriti all’art. 84- bis delle disposizioni di attuazione del codice civile. Dunque le tabelle del Tribunale di Milano divengono Norma di legge con l’obiettivo di garantire parità di trattamento in tutti i tribunali, superando, per legge, le differenze che si riscontrano a seconda di quale aula giudiziaria tratti un determinato caso. Noi adottiamo le tabelle del Tribunale quali parametri oggettivi di valutazione del danno già dal 2006 (vedi le pagine Logicamente primi e Criteri oggettivi e condivisi di valutazione del danno). Tra le innumerevoli conseguenze procedurali, il disegno di legge, se confermato, imporrebbe alla scuola nel caso di affidamento diretto dei contratti assicurativi, l’indicazione tra i criteri di aggiudicazione e nelle motivazioni di scelta del contraente le succitate Tabelle del Tribunale, onde garantire il rispetto del principio della par condicio tra le imprese assicurative concorrenti e l’imparzialità e trasparenza dell’azione amministrativa.