Specialisti nel Brokeraggio Assicurativo per la Scuola

Contattaci Collabora con noi Approfondimenti

Processi trasparenti e a norma

Un antico detto popolare recita: “Chi male non fa, male non pensa”, per significare che la persona onesta non pensa a documentare la propria onestà, anche quando farebbe invece bene a farlo. Il pubblico funzionario o il manager privato dovrebbe essere sempre in grado di documentare il proprio operato, infatti se è vero che la presunzione di innocenza fino a prova contraria è un magnifico principio di diritto, bisogna pragmaticamente riconoscere che avere delle chiare prove a supporto è senz’altro meglio.

Basta una veloce lettura degli sviluppi normativi di questi ultimi tempi per capire che il pubblico funzionario non deve solo essere onesto, ma deve essere come la moglie di Cesare, cioè “deve essere al di sopra di ogni sospetto”. Un passo della formulazione del conflitto d’interesse recita: “… Si ha conflitto d’interesse quando il personale di una stazione appaltante ha, direttamente o indirettamente, un interesse personale, che può essere percepito come una minaccia alla sua imparzialità e indipendenza.”

Si incorre in una violazione di legge anche solo se si “percepisce” un qualsiasi interesse personale. Non basta una procedura onesta, serve una procedura che sia dimostrabilmente onesta, indipendente trasparente, senza conflitto d’interessi. Dato che il contratto assicurativo scolastico è l’unico contratto della scuola che è sindacabile dal privato cittadino dinanzi al giudice ordinario, in quanto parte di un contratto pubblico, è senza ombra di dubbio il contratto più rischioso.

Mentre il cittadino non può entrare nel merito di un contratto della Pubblica Amministrazione, nel caso del contratto assicurativo scolastico ci sono mediamente duemila genitori che hanno il diritto di chiedere rendiconti, giudicare e chiamare in giudizio. Basterebbe usare un bando o un capitolato proposto dal proprio sindacato per generare il sospetto che si sia assegnato il contratto alla compagnia convenzionata al proprio sindacato e, dunque, per configurare una violazione di legge.

L’introduzione del principio della trasparenza amministrava  nel servizio pubblico e quindi nelle scuole ha permesso al cittadino (alunni e famiglie) di esercitare il proprio diritto di conoscere con quali atti e sulla base di quali motivazioni la scuola (PA) ha preso una decisione di interesse pubblico.

La conoscibilità degli atti e dei documenti amministrativi diviene il fondamento della democrazia amministrativa, ma – ancora più in radice – la trasparenza si contrappone a tutto ciò che si occulta per favorire interessi personali e di gruppo, configurandosi come esigenza “di chiarezza, di comprensibilità, di non equivocità di una struttura e del suo agire, anche al fine di garantire l’affidamento dei cittadini”, nonché l’imparzialità, il buon andamento e la legalità dell’azione amministrativa.

Logica Insurance Broker ha da sempre ben presente l’importanza e la inderogabilità di questi principi. La loro interpretazione e integrazione nei propri processi aziendali ha contribuito a elevare il servizio e la consulenza prestata a favore delle scuole al ruolo di servizio pubblico, per garantire e tutelare l’interesse generale e  degli alunni  in primis.

 

Massima trasparenza

Per noi trasparenza significa imparzialità, indipendenza, terzietà, equidistanza. La trasparenza si manifesta in semplici ma importanti aspetti procedurali:

  • la pubblicazione degli atti della procedura;
  • l’informativa alle famiglie;
  • l’adozione di criteri di valutazione oggettivi;
  • le verifiche tecniche effettuate;
  • La permanenza in capo alla Pubblica Amministrazione delle scelte strategiche;

Abbiamo preferito, diversamente dagli altri, documentare, spiegare e rendere pubblici metodologie procedurali, tecniche comparative, criteri di valutazione, reti relazionali e processi decisionali, a garanzia e tutela dei nostri clienti.

Infatti  è  bene  osservare come nell’azione amministrativa la responsabilità e la trasparenza sono due elementi che, necessariamente, si integrano e si completano reciprocamente.

 

La nostra soluzione

La soluzione che Logica Insurance Broker propone è un collaudato processo di assoluta trasparenza. Adottiamo l’unico procedimento che permette di dimostrare con criteri oggettivi e matematici che non ci siano state influenze di sorta nella scelta del contenuto del contratto e nella scelta del contraente e, dunque, nessuna possibile responsabilità personale del Dirigente Scolastico o del Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi (DSGA).

I processi e la documentazione tecnica che forniamo sono il frutto di uno studio approfondito della materia e ancora di più il risultato dell’esperienza pratica acquisita gestendo negli anni migliaia di procedure di selezione.

I criteri e i parametri adottati:

Solo con l’utilizzo di questi criteri e parametri  si può essere certi di aver promosso la giusta procedura comparativa. Solo la corretta impostazione del processo può garantire una adeguata tutela del decisore in sede contenzioso.

 

Solo Logica Insurance Broker è in grado di offrire alla Scuola e alle famiglie il livello di trasparenza e la tutela necessari.